Proiettili di fionda “fischianti”, le armi di terrore romane