17 aprile 2010, a Montefiascone convegno su “Le Archeomafie”

Il “Centro Studi di Criminologia “ del Centro di Promozione Culturale Týrris ONLUS Viterbo in collaborazione con la Camera Penale di Viterbo e in collaborazione con OIA – Osservatorio Internazionale Archeomafie presenta il CONVEGNO di Studio:

“Le Archeomafie: reati contro il patrimonio artistico e traffico illecito di beni culturali”

Rocca dei Papi,Montefiascone,
17 aprile 2010 ore 8,40 – 14,00

Sono definite “archeomafie” le organizzazioni criminali o settori di esse che operano nel settore degli scavi clandestini, del furto e del traffico illecito internazionale di opere d’arte e reperti archeologici. La definizione “archeomafie” deriva dalla constatazione che il furto di opere d’arte e di reperti archeologici, che provengano da un museo o da uno scavo clandestino, è solo il primo diuna lunga serie di passaggi che, attraverso il mercato clandestino, porta queste opere nelle mani dispregiudicati collezionisti o curatori di musei.

Se un furto da una collezione o da un museo, oppure uno scavo clandestino possono anche essere opera di ladri isolati o di improvvisati tombaroli, i passaggi successivi, l’esportazione clandestina delle opere d’arte e dei reperti archeologici e il loro inserimento in circuiti di vendita internazionali,presuppongono una rete criminale ben strutturata, capace di gestire questi traffici a più livelli, da quello locale a quello internazionale, di far perdere le tracce della provenienza illecita delle opere e di attuare il loro decisivo passaggio dal mercato clandestino a quello “legale”. Questa rete, soprattutto in zone come l’Italia centro-meridionale, che sono al tempo stesso tra le più ricche del Mediterraneo dal punto di vista del patrimonio culturale, ma anche tra le più soggette ad un capillare controllo del territorio da parte della criminalità organizzata, non può che essere gestita da organizzazioni criminali di stampo mafioso, le cosiddette “archeomafie”.

Obiettivi:
Far acquisire competenze che consentano attraverso l’aggiornamento tecnico e legale di migliorare la conoscenza del fenomeno per maturare maggiore consapevolezza nella capacità di contrasto.

Destinatari:
avvocati, archeologi, forze dell’ordine, dottori in beni culturali, restauratori, operatori museali, funzionari del ministero dei beni culturali, bibliotecari, architetti, ingegneri, studenti universitari in discipline attinenti.

La Direzione scientifica ed il coordinamento sono affidati alla Dr.ssa Rita Giorgi.

PROGRAMMA:
Inizio lavori ore 8,40
Coffee break ore 11,00 – 11,15
Fine dei lavori ore 14,00
Ore 8,40 – 9,00
Accoglimento e registrazione partecipanti
Rilascio Kit del convegno
Ore 9,00 – 9,10 Presentazione e saluti (Dr.ssa Rita Giorgi).
Ore 9,10 – 9,45 Il D. Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 e successive modifiche. Le norme a tutela del bene culturale e il reato di possesso illecito di opere d’arte appartenenti allo Stato. (Relatore: Avv. Giuseppe La Bella, membro del consiglio Direttivo della Camera Penale di Viterbo)
Ore 9,45 – 10,15 La cultura della mafia: dal “pensiero mafioso” alla criminalità organizzata. (Relatore – Dr.ssa Antonella Pomilla – Psicologo Clinico, Criminologo, Dottoranda di Ricerca in Psichiatria presso la “Sapienza” Università di Roma.)
Ore 10,15 – 11,00 Le “archeomafie” e il traffico illecito internazionale di beni culturali. (Relatore – Dr. Tsao Cevoli – Archeologo, Giornalista – Direttore dell’OIA – Osservatorio Internazionale Archeomafie – Presidente dell’Ana – Associazione Nazionale Archeologi)
11,00 – 11,15 Coffee break
Ore 11,15 – 11,45 La sicurezza e la salvaguardia del patrimonio culturale nazionale attraverso l’azione di prevenzione e repressione delle violazioni alla legislazione di tutela dei beni culturali. (Relatore: Capitano Massimiliano Quagliarella – Comandante della sezione Archeologia del RepartoOperativo Tutela Patrimonio Culturale )
Ore 11,45 – 12,20 Gli obblighi del cittadino in possesso di beni archeologici o artistici. (Relatore: Tenente Luigi De Gregorio – Comandante Tenenza della Guardia di Finanza di Tarquinia )
Ore 12,20 – 12,45 La tutela e la conservazione del patrimonio artistico del Lazio: l’attività della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale. (Relatore: designato dalla .Soprintendenza Archeologica Etr. Mer. Lazio)
Ore 12,45 – 13,20 La situazione del territorio della provincia di Viterbo: tutela del patrimonio ambientale e culturale (Relatore : Dr. Leoni -Comandante del Corpo Forestale dello Stato di Viterbo )
Ore 13,20 – 14,00 Conclusioni (Avv. Massimo Pistilli)

E’ previsto:
Compilazione questionario di Valutazione e di Gradimento.
Rilascio attestati
Rilascio Crediti CFN

COMITATO SCIENTIFICO:
Rita Giorgi (direzione e coordinamento), Tsao Cevoli, Maurizio Montalto, Massimo Pistilli , Antonella Pomilla
La Segreteria Organizzativa è così composta
Presidente Týrris Onlus – Marcello Cevoli
Docente Sonia Fanelli

Quota di partecipazione: 25 €
20 € (Avvocati iscritti Camere penali)
10 € (Studenti universitari )

Centro di Promozione Culturale Týrris O.N.L.U.S. Via della Volta Buia, 51 01100 Viterbo. 3

CF:90073000565 Tel. 0761092452 Cell. 334 9694130 – 335 1266289

E-mail: direzione@tyrris.it




Trackback this Post |