Gengis Khan e il tesoro dei mongoli

Gengis Khan e il tesoro dei mongoliTreviso – Si aprirà il 20 Ottobre 2007, per concludersi il 4 maggio 2008, la mostra “Gengis Khan e il tesoro dei mongoli“. La mostra, ideata all’interno del progetto delle Grandi Mostre “La Via della Seta e la Civiltà Cinese” e promossa dalla Fondazione Cassamarca e dall’Accademia Cinese di Cultura Internazionale, sarà visitabile con il seguente orario:

  • Martedì, mercoledì, giovedì: 9.00 – 19.00
  • Venerdì, sabato, domenica: 9.00 – 20.00

presso la Casa dei Carraresi (Treviso, Via Palestro, 33).

La mostra è suddivisa nelle seguenti 5 sezioni tematiche:

  1. L’ORO DELLE STEPPE
  2. GENGIS KHAN E LE CONQUISTE DELL’IMPERO MONGOLO
  3. IL VIAGGIO DI MARCO POLO E IL TRIONFO DELLA VIA DELLA SETA
  4. I MISTERI DELLE DINASTIE OLTRE LA GRANDE MURAGLIA
  5. LE PIU’ BELLE PORCELLANE DI TUTTI I TEMPI

La Storia della Cina costituisce il grande affascinante quadro dentro il quale, nell’arco di tre millenni, si è andata sviluppando l’affermazione della “Grande Cina”. Il mondo intero si è proiettato nella ricerca di questa affermazione, ma spesso l’ha tradotta in una presenza conflittuale rispetto all’autonomo procedere della Storia cinese. Il processo dell’evoluzione delle civiltà segue il moto naturale delle cose, da Est a Ovest. È a Oriente che esse nascono per poi propagarsi in Occidente ed esservi consumate, come sempre è accaduto per i grandi movimenti culturali, sociali, artistici e religiosi. Nel momento in cui la Cina del Ventunesimo secolo si proietta con tutta la sua forza economica e creativa anche in Europa, diventa necessario far partecipare innanzitutto l’Europa a quel processo di crescita che la Cina nei secoli ha prodotto. Ecco, anche da ciò, l’esigenza di una conoscenza autentica di quel processo che si è espresso nell’originalità della cultura cinese attraverso il succedersi delle Dinastie “celesti”: dal 221 a.C. al 960 A.D. il millennio fondante di quella civiltà, e da qui al 1368 la visione globalizzante dei Mongoli eredi di Gengis Khan, la raffinata parentesi dei Song spazzata da Khubilai negli anni del soggiorno di Marco Polo, l’apogeo dei Ming fino al 1644, e infine il grande Impero Manciù conclusosi nel 1911. L’iniziativa di Fondazione Cassamarca di tradurre in quattro grandi Mostre biennali lo svolgimento e l’affermazione di quella Civiltà, in sinergia con il pensiero dell’Accademia Cinese di Cultura Internazionale,è quindi di grande affascinante importanza. Dal canto nostro speriamo, infatti, che nuove capacità di relazione e di collaborazione nascano fra l’Europa e la Cina. L’Italia, sede storicamente fondamentale dell’epoca rinascimentale, sa di poter contribuire con questa iniziativa a sviluppare relazioni pacifiche e di sviluppo culturale con l’intero continente asiatico.

Sito internet: www.laviadellaseta.info




Un commento o segnalazione

  Questo articolo è segnalato da:

  1. diggita.itottobre 8, 2007 @ 2:14 pm

Commenta la notizia

Trackback this Post | Feed on comments to this Post